La gioia di Maria …

Ti chinasti sul Suo piccolo viso,
fino a baciarlo,
in quella nuova creazione
dove il riscatto ebbe inizio,
con l’umiltà che si arrese all’evidenza
nonostante lo sconcerto di toccare il divino …

Affidataria del mondo,
oggi Ti chini anche su di me
e mi vieni a calmare,
proprio come si fa come un bambino …
come la brezza dello Spirito di Dio
sulla superficie agitata delle onde,
che le increspa appena …
fuori da questa vita in tempesta,
da questo folle giro senza senso,
nel turbamento dell’oblio,
su questa nostra malata coscienza
che ha sempre più bisogno di te
per tornare a sperare …

Grembo fecondo,
gioiosa come una beatitudine
dolce come una cantilena …
bella, come la faccia cristiana dell’amore,
come una pace duratura
che calma e rassicura
nonostante la guerra …
Signora del sonno profondo,
improvviso,
in mezzo alla piena dell’inquietudine,
che culla il cuore
e sempre rasserena …

Regina del Cielo e della terra,
in questa sana consapevolezza
che si rinnova sempre
tutte le volte che ti vengo cercare …
Donna dalla bellezza antica,
pulita e materna,
eternamente giovane
che non invecchia e non stanca …

Sei solo un riflesso della Sua purezza,
un atomo,
solo un atomo al cospetto del Creatore,
eppure più grande degli angeli …
in questo Eden provvisorio,
costola dell’ Uomo nuovo
che completi ciò che manca …

Stella del mattino,
alzo lo sguardo per lasciarmi guidare …

perché forte come la morte è l’amore,
anzi più forte …

Crescenzo Marzano

La_gioia_di_Maria